Slide toggle

GEMONAONLINE V.BETA01

Il sito è in versione beta, questo per permetterci di confezionarlo su misura rispetto alle esigenze di tutti gli esercenti, professionisti e artigiani che compongono il tessuto produttivo ed economico di Gemona del Friuli.

I vostri consigli sono per noi fondamentali, scriveteci a info@gemonaonline.com

Richiedi assistenza

Dalle 10.00 alle 17.00 lun/ven info@gemonaonline.com

Gemona, un successo per gli eventi estivi

Domenica, presso la Loggia del Municipio, si è tenuto un formale ringraziamento del sindaco di Gemona, Roberto Revelant, alla conclusione della rassegna “Gemona vivi, scopri, ama” che per tre mesi ha animato il centro cittadino.

Iniziata nei fine settimana di luglio, la rassegna ha animato il centro di Gemona con piccoli salotti musicali e numerosi appuntamenti culturali. Sono stati realizzati concerti di musica classica, presentazioni di libri e una mini-edizione di “Glemmy’60”, piccolo cammeo dedicato al cinema, alla musica e alla letteratura degli anni Sessanta del Novecento.Tutti i musei, il Duomo e i principali siti storici cittadini sono stati aperti al pubblico con orario esteso e con visite guidate dedicate.

“Siamo soddisfatti del riscontro ricevuto”, affermano il consigliere Michelangelo Giau e l’assessore Giovanni Venturini, che hanno curato la rassegna.
“Veder popolarsi il centro storico di musica, voci e famiglie ci ha dato la prova che in questa estate anomala si è voluto vivere il territorio, apprezzandone le proposte e riscoprendo risorse tutt’altro che scontate e che è importante continuare a valorizzare ogni giorno”, hanno concluso.

“Possiamo trarre un bilancio decisamente positivo – afferma l’assessore alla cultura Flavia Virilli – questa iniziative hanno dato lustro al palinsesto estivo e alla città, completandone la ricca offerta museale: basti pensare che la sola mostra ospitata nelle ex-carceri del castello ha abbondantemente superato i 6000 visitatori e che all’Ufficio Iat di palazzo Elti si sono registrate oltre 4000 presenze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *